giovedì 10 luglio 2014

SUMMER POP!!!

L'estate del Rivamancina appetizers & cocktails bar è pop, l'11 Luglio inaugura SUMMER POP, collettiva di Ale Giorgini, Alberto Corradi, Diavù, Osvaldo Oz Casanova, Matteo Cuccato, Oscar Odd Diodoro & Federico Tram Tramonte, un reload delle precedenti esposizioni e come ospite speciale David "Diavù" Vecchiato.
Un team d’eccezione, 7 artisti proiettati nel mondo della pop art, attivi nel design, illustrazione, fumetto, street art, pop surrealism, grafica pubblicitaria, musica, editoria & animazione, rinomati in italia e all’estero. Una selezione di opere per colorare l’estate del Rivamancina.
Una mostra a cura del sottoscritto, come sempre da fine 2013. Clickate QUI per l'evento Summer Pop su facebook, durerà tutta l'estate per un totale di due mesi tondi, per celebrare l'evento Alberto Corradi, Matteo Cuccato, Oscar "Odd" Diodoro e Osvaldo "Oz" Casanova realizzeranno una live performance durante la serata, disegnando dal vivo. 
Non mancheranno dediche e molti drink, don't miss the show & join the party!
Stay tuned.

venerdì 23 maggio 2014

WIZARD OF OZ!!!

Dopo il travolgente successo della mostra SENZATITOLO di Ale Giorgini e l'ottimo riscontro delle successive IL DR. TRAM, SUPPONGO di Federico Tramonte e SPACE oddITY di Oscar Diodoro, Osvaldo "Oz" Casanova sbarca al Rivamancina di Verona in occasione della sua nuova personale da me curata.
Osvaldo coniuga il calore del mondo del fumetto con le fredde atmosfere della grafica pubblicitaria, creando un universo compatto di personaggi, tra creazioni originali, sentiti omaggi al mondo dei supereroi che lo hanno entusiasmato in gioventù, passando per decine di rockstar e qualche calciatore, regalando al mondo della pelota istanti di rara eleganza, immortalando alcuni dei momenti salienti della storia del pallone.
Mescola la materia e la plasma, gioca con i santi e con i fanti creando design di raffinati mazzi di carte da gioco. La percezione osservando le sue opere è talvolta di finestre che si aprono su mondi distanti, avvolti in una bruma sottile, da cui affiorano le matrici dell'immaginario collettivo. 
----------------
Osvaldo "Oz" Casanova è illustratore, grafico, vignettista, pubblicitario e copywriter. Ha lavorato, disegnato e dipinto per il mercato discografico, l'editoria, lo sport e la pubblicità. In qualità di Art Director ha lavorato tra i vari con Aperol, Havana Club, Europe Assistance, Clementoni, Vodka Wyborowa, Birra Moretti, Telecom Italia, Tim, INA Assitalia, Amadori, Barilla, Fabbri Editori, IP, Colmar, Pirelli. Di recente ha curato design e illustrazioni del cd della band il Magnetofono e realizzato una illustrazione per il volume Wars on Demand (Agenzia X Editore). Ha una lunga esperienza di live painting e performance. Come autore di fumetti ha in cantiere un paio di romanzi grafici e nel tempo libero cura un blog che parla di calcio.
Vi aspettiamo stasera, a partire dalle 19.30, al Rivamancina in Vicolo Quadrelli 1 a Verona, per chi non potrà essere al vernissage, consigliamo di tenere d'occhio la pagina dell'evento su facebook QUI per gli aggiornamenti dal vivo e le foto: la mostra durerà cinque settimane, per poi dare spazio alla collettiva Summer Pop, che ci accompagnerà per tutto Luglio e Agosto. 
Stay tuned.

lunedì 19 maggio 2014

CONNESSIONI TRA FUMETTO STREET & POP ART

(le foto dell'incontro sono di Giampiero Filippelli)
Giovedì 15 maggio presso il Comune di Castelmella in provincia di Brescia, nell'ambito del Festival itinerante Tra le Nuvole, organizzato da MalEdizioni, ho tenuto il primo di due incontri al pubblico, incentrato sulle connessioni tra fumetto, street art e pop art. Sintetizzare in un'ora e mezza un percorso che si snoda dalle origini della società umana fino ai giorni nostri è impresa ardua, già più semplice enucleare degli esempi di artisti che coniughino nella loro esperienza il lavoro di autori di fumetti a quello di street e/o di pop artist. Sono così partito con alcune immagini delle pitture rupestri delle grotte di Lascaux, antenate e passo uno di tutto quanto in discussione e di molto altro ancora, per poi proseguire con alcuni esempi storicizzati di artisti quali Vaughn Bodé. Bodé, che con il suo stile unico e il suo Cheech Wizard ha indelebilmente segnato l'immaginario di centinaia di street artist fino ai giorni nostri, così come Keith Haring che attualizzò le pitture rupestri codificandole nella pop art, un newyorkese (ad honorem) con lo spirito di un primitivo. Tra i pop cartoonist italiani impossibile non citare il seminale Massimo Mattioli (ne sa qualcosa Matt Groening che con Grattachecca e Fichetto ha clonato il suo Squeak the Mouse) e a seguire alcuni esempi eccellenti di artisti internazionali quali Jeremyville, Gary Baseman, Jon Burgerman e Bunka, padre di Chaos Monkey (edito da Vraoum) e toycreator come lo stesso Burgerman.
Parte della mia digressione è stata dedicata a MP5 (Maria Pia Cinque), al romanzo grafico realizzato con Valerio Bindi Acquastorta (Meridiano Zero) e al suo lavoro che si dipana tra Italia e resto del mondo, alle sinergie con il duo di street artist To/Let e un occhio di riguardo al suo progetto tempus fugit
Come ho sottolineato parlando di Haring, le sue performance culminavano talvolta nell'arresto da parte delle forze dell'ordine: ma il problema del comprendere che la street art non è imbrattamento degli spazi cittadini, ma valutazione o rivalutazione degli stessi è purtroppo ancor oggi di triste attualità, si pensi alla denuncia da parte della polizia municipale di Bologna nel 2013 ricevuta da Alicé (Alice Pasquini) QUI l'articolo o alla recente deturpazione dell'opera di Diavù al Cinema Impero a Roma, QUI il post sul suo blog.
Diavù, al secolo David Vecchiato ha creato e si è fatto promotore dell'esperienza M.U.Ro (Museo Urbano Roma), progetto di rivalutazione urbana del quartiere Quadraro della capitale, che ha coinvolto finora nell'arco di due anni e quasi mezzo artisti (quasi tutti pop surrealist) da tutto il mondo: Gary BasemanRon EnglishBeau StantonJim Avignon, Nicola Alessandrini, Alice PasquiniCamilla FalsiniGio PistoneMr.ThomsZelda BombaMalo Farfan e Alessandro Sardella. M.U.Ro è partito con la rivalutazione del Giardino dei Ciliegi nel dicembre del 2011 a opera dello stesso Diavù in collaborazione con me, Massimo GiaconMarco About Bevivino e Irene Rinaldi. QUI per il dettaglio. Parlando del progetto, l'ho posto in collegamento con il lavoro di otto lunghi anni svolto sulle pagine de La Repubblica XL dove pop e fumetto hanno convissuto costantemente per mano mia, di David, Ale Giorgini, Massimo Giacon, Squaz, Maicol&Mirco, Tuono Pettinato, Pino Creanza, Alepop, Alessandro Baronciani, Ratigher e Dottor Pira.
Sempre discorrendo, ho concluso con una carrellata sulla produzione mia, di Diavù, Massimo Giacon e Ale Giorgini e la nascita del supergruppo di pop e design QU4TTRO composto dagli stessi sopracitati.
Il prossimo appuntamento sarà invece dedicato al Graphic Journalism: l'incontro si terrà a Palazzolo sull'Oglio (BS) mercoledì 4 luglio alle ore 21.00 presso la Sala Conferenze della Biblioteca Civica Lanfranchi.
Stay tuned.

martedì 6 maggio 2014

SALONE DEL LIBRO DI TORINO 2014!!!

Al Salone del Libro di Torino, stand Feltrinelli, domenica 11 maggio 2014 dalle 11.00 il sottoscritto in compagnia di Maicol & Mirco e di Licia Troisi incontreremo il pubblico in occasione del lancio della nuova Smemoranda 2015. Siete avvisati. Presto immagini e cotillons. Stay tuned.

giovedì 23 gennaio 2014

SENZATITOLO: UNA MOSTRA DI ALE GIORGINI

Dopo la bella e stilosa CATORISMI di Matteo Cuccato (al proposito vi rimando all'articolo di Alberto Polita su Bobos.it QUI) eccoci alla mia seconda curatela per il Rivamancina appetizers & cocktails bar di Verona, locale sempre più pop, a causa del boss Michele Accorroni, che mi ha affidato la direzione artistica delle mostre. E stavolta ci addentriamo nel mondo di Ale Giorgini.
Lo stile di Ale è un concentrato di riflessioni oculate sul dove finisce il graphic design e dove inizia la pura arte, dove il segno è sempre finalizzato a uno scopo ma dove l'intrattenimento va oltre il mero spettacolo, diviene piacere degli occhi che riflette il piacere e la gioia dell'artista immerso nell'atto creativo. Una linea altrimenti fredda scalda il cuore, lo spazio può essere iperaffollato di tracce o presidiato da una sola immagine centrale che trae energia dal vuoto circostante, come per la serie in divenire "That's Amore" di cui ammireremo sei nuovi pezzi proprio a SENZATITOLO. Linee come rasoiate che plasmano lo spazio con eleganza algida e poetica.
Ricordo con chiarezza quando tutto questo processo ebbe inizio: su una terrazza di un pittoresco hotel a Livorno, in una calda mattinata di sole subito dopo colazione. Erano i giorni dell'Italia Wave Love Festival dove ci trovavamo con XL, il pomeriggio e la serata ci avrebbero visti protagonisti di performance e dediche. Sulla terrazza in quel momento c'eravamo Ale, Diavù e il sottoscritto. Ale come sempre lavorava (non smette mai). Sulla scia dei concerti estivi a cui prendevamo parte sempre più frequentemente (era il 2009) Ale aveva cominciato a disegnare una serie di poster dei vari artisti presenti on stage ai vari festival, similmente alla tradizione posteristica iniziata in america da gruppi di designer-culto come Ron Donovan e soci con la Firehouse, ma con lo stile che seppur in evoluzione già lo contraddistingueva e lo faceva amare dal pubblico. I suoi poster andavano già, letteralmente, a ruba. Ma su quella terrazza Ale cominciò a tracciare qualcosa di diverso sul suo sketchbook: era un poster di Moby, che avrebbe suonato a Lucca al Summer Festival di lì a una decina di giorni, ma i segni si stavano sempre più compattando in fasci di linee. In quello schizzo e in una manciata di altri intravvidi un cambiamento importante in atto. Chiari due pensieri mi attraversarono la mente, "splendido" e "ci manda tutti a casa". Non ho mai nascosto il mio pensiero e la mia ammirazione per il lavoro del Sig. Giorgini, sono fiero di averlo come compagno di avventure, collega e soprattutto amico. Ale non ci ha ancora mandati tutti a casa, ma lo imputo più alla sua benevolenza e fair play che ad altri fattori, l'evidenza del suo lavoro parla chiaro ben oltre queste mie poche righe.
Con questa mostra la rete di sinergie e pop surrealism varata con l'esperienza QU4TTRO continua a espandersi, diffondendo informazioni, concentrando databytes pop nell'aria di questo paese così bisognoso di colore. Dopo la mia personale POP ALONE: IL MONDO SURREALE DI ALBERTO CORRADI a Roma curata da Diavù e tuttora in corso, ecco SENZATITOLO: UNA MOSTRA DI ALE GIORGINI. Clickando QUI accedete all'evento su facebook, dove saranno postate le foto del vernissage.
E ora, un po' di teaser:
Ale Giorgini: Illustratore, autore di fumetti, visual artist e graphic designer, dopo il travolgente successo della mostra Illustri a Vicenza, sbarca a Verona al Rivamancina con "Senzatitolo". Una selezione del suo best of, dove i visitatori potranno ammirare le stampe in tiratura limitata delle locandine cinematografiche che l'hanno reso celebre in tutto il mondo e non solo, spaziando nella produzione recente di questo eclettico e geniale artista che all'estero ci invidiano. 
Classe 1976, Ale Giorgini vive e lavora a Vicenza. Fra i suoi clienti: Warner Bros, Foot Locker, Sony Pictures, Emirates, MTV, Mondadori, Kinder Ferrero, Gruppo L’Espresso, Saldapress, Virgin Atlantic. 
Ha partecipato a performance e mostre in tutto il mondo (Milano, San Diego, New York, Sidney, Roma, Firenze, Napoli, Los Angeles, San Francisco, Portland). Le sue opere sono esposte alla Hero Complex Gallery (Los Angeles) e Bottleneck Gallery (New York). É insegnante alla Scuola Internazionale di Comics.
Lo trovate qui www.alegiorgini.com | www.aaargh.it
 
Stay tuned.

mercoledì 22 gennaio 2014

POP ALONE: IL VERNISSAGE

https://www.facebook.com/alberto.corradi/media_set?set=a.29967942786.41565.745612786&type=3
Alone. Solo. Solo show.
Pop Alone mi è parso sin da subito il titolo più appropriato per la mia nuova personale, perché dall'esperienza in divenire del supergruppo QU4TTRO è la prima volta da quasi un anno che sono di nuovo uno. Anche se ad accompagnarmi con la sua curatela è stato David Vecchiato, al secolo Diavù, uno dei 4 cavalleggeri dell'Apopcalisse che scorrazza con me, Massimo Giacon e Ale Giorgini per le infere italiche lande portando colori e situazioni surreali, ho comunque fatto in primis i conti con me stesso. Io e David abbiamo frugato i meandri della mia produzione degli ultimi 2-3 anni celata nel magazzino di Mondopop (la creatura di Diavù e Serena Melandri) e il percorso che si può compiere visitando "Pop Alone" testimonia un periodo di lavoro partito nel 2010 con la mia ampia personale "Dumb Eye: the silly flow of time" ospitata a Stoccolma presso la Carina Björck Gallery, nella città vecchia della capitale scandinava.
Era da quasi un anno che raccoglievo idee e alla fine si sono proiettate in acrilico su carta a 350 grammi ed è nata la mia nuova serie "Pink Darkness", i cui primi sei pezzi potete vedere nelle foto qui di seguito e dal vivo fino al 12 febbraio 2014 all'Hangar Tattoo Studio & Art Gallery di Via dei Marsi 65 a Roma.
Il vernissage si è tenuto Venerdì 17, un giorno perfetto per la sua valenza scaramantica e per un gattaccio nero qual sono, oltre che vampiro notoriamente stanco.
Magnifica padrona di casa dell'Hangar è Cecilia Agostini, che con Katia e Valentina ha fatto tutto il possibile per farmi sentire a casa, per non parlare delle torte salate preparate da Katia e la maionese vegana di Anto. La serata è stata affollatissima di visitatori, quasi duecento, la chiusura si è protratta ben oltre l'orario programmato e alla fine c'erano ancora una quindicina di persone in galleria.
Grazie ai molti amici oltre che colleghi venuti a trovarmi: Laura Scarpa, MP5, Valentina Zummo, Gio Pistone, Irene Rinaldi, Alessandra De Cristofaro, Michele Ironmould Fasano, Roberto Grossi, Roberta Oriano, Bol 23, Giorgio "Talpa G 44" Silvestrelli. E Serena, Sofia, Linda, Sara, Fabrizio, Daniele, Elena, Luca & Sesè, Claudia & Mauro, Clo con sua madre e i suoi due fratelli e tutti quanti gli altri che colpevolmente non menziono. Un grazie speciale a Rossana Calbi per avermi intervistato su Design with Love, QUI. E a Chiara Giorgetti Prato & Giulio Pascali per aver scritto, fotografato e ripreso la serata, trovate tutto QUI comprese le interviste a me, David e Cecilia. Stay tuned.

venerdì 27 dicembre 2013

POP ALONE: IL MIO MONDO SURREALE

My new solo show is called "Pop Alone: Alberto Corradi's surreal world". Hosted @ Hangar Tattoo Studio & Art Gallery (Via dei Marsi 65) straight in Rome's city center, in the beautiful area of San Lorenzo. The show, curated by David "Diavù" Vecchiato (Mondopop) will display a selection of my latest paintings, drawings, sketches and limited art prints. Vernissage Friday the 17th, january, 2014. Enjoy a grand day out in Rome and "Pop" around!!!
---------------------------------
Non è ancora il 2014 e sto lavorando per arrivarci da un paio di mesi: la mia nuova personale di quadri e non solo si chiama "Pop Alone: il mondo surreale di Alberto Corradi". Il vernissage si terrà Venerdì 17 Gennaio 2014 presso l'Hangar Tattoo Studio & Art Gallery di via dei Marsi 65 nella splendida cornice del quartiere San Lorenzo a Roma. La mostra è a cura di David "Diavù" Vecchiato. Ci troverete una selezione delle mie opere vecchie e nuove, stampe e qualche altro oggettino. 
Presto nuovi aggiornamenti. 
Stay tuned.